CostardiRisoLattesalatoRiso, latte e zucca
Si fa bollire del latte e si aggiunge il riso, salando e mescolando ogni tanto. A mano a mano che il latte si asciuga se ne aggiunge dell’altro caldo, fino a ottenere una via di mezzo tra un risotto e una minestra. Quando il riso è pronto si deve incorporare anche un pizzico di burro e la zucca, questa viene fatta lessare a parte, passata al setaccio e unita al riso e al latte già pronti.

 

zuppaSkilà
La zuppa tipica dei pastori della Valsesia; gli ingredienti sono patate, cipolla, porro, sedano, aglio, formaggio (la toma), pane di segale e sale. Le cipolle e le patate pelate vanno fatte cuocere con le altre verdure (tutte tagliate a pezzi minuti, tranne l’a-glio) a lungo nell’acqua salata: il recipiente deve essere incoperchiato. Quando la minestra è pronta, si aggiunge il pane tagliato a fettine e abbondante formaggio.

 

 

carpioneTrota in carpione

Fritta nel burro aromatizzato con timo o salvia viene cosparsa di un misto di aceto e vino (in parti eguali) che si è fatto bollire con prezzemolo, sedano, alloro, bacche di ginepro.
13322

 

 

L’uberlekke
Si tratta di un bollito misto particolarmente ricco, ancor più dovizioso del già ben assortito e classico piatto: scamone di manzo, punta, testina e lingua di vitello, costine di maiale e, anche, coscia di pecora, vengono tenute sotto sale per qualche giorno e poi fatte bollire. La specialità viene ulteriormente insaporita con garretto di prosciutto, mortadelle di fegato, cotechini, cotenne farcite di peperoncino. Nella tradizione questo sontuoso bollito va accompagnato da patate, rape o carote lessate e con una salsa di cren, cioè di ràfano.